Deprecated: Non-static method JSite::getMenu() should not be called statically in /home/andreag1/domains/sinistraeuromediterranea.it/public_html/templates/gk_bluap/lib/framework/helper.layout.php on line 117

Deprecated: Non-static method JApplication::getMenu() should not be called statically in /home/andreag1/domains/sinistraeuromediterranea.it/public_html/includes/application.php on line 536

LA CRISI EUROPEA - Note a margine del default greco

di Pieluigi Sullo

Se le ragioni del dissesto sono note, manca invece una narrazione opposta a quelle di Monti e Papadimos

Domenica sera ho fatto una penitenza: ho ascoltato, grazie a RaiNews24, l'intero discorso del primo ministro (o primo banchiere) greco, Papademos. La mia impressione è di aver osservato una copia di Mario Monti: un po' meno alto, altrettanto ben pettinato e vestito in modo discretamente benestante, garbato nei toni, ha fatto un discorso con citazioni colte (abbastanza) e soprattutto ferreamente ancorato alla narrazione liberista del mondo. Dove tutto si riduce all'economia, cioè al Prodotto interno lordo, alla crescita, ai mercati, agli investimenti, alla concorrenza e alla competitività: tutte cose la cui salute garantirebbe automaticamente lavoro, diminuzione del debito, maggiori servizi sociali, energia e altri prodotti di base a minor costo, insomma la vita delle persone e delle famiglie. E dove il debito pubblico è rappresentato come una colpa collettiva, l'aver voluto vivere al di sopra dei propri mezzi, l'aver dolosamente ceduto alle lusinghe della corruzione e dell'evasione fiscale, al beneficio immeritato di salari superiori a quel che la capacità dell'economia greca di produrre esportazioni e di attrarre investimenti avrebbe consentito. In questa logica d'acciaio, che nessuna ruggine del dubbio può corrodere, la scelta - per i greci, cioè per i loro rappresentanti - era dunque, ha concluso Papademos, tra il male e il peggio.
Qui stava la principale differenza tra l'italiano ex commissario europeo alla concorrenza e il greco ex membro del board della Banca centrale europea: il primo può raccontare che le sue manovre hanno già quasi salvato l'Italia, e che si tratta ora di crescere; che l'Europa (la Germania) ha fiducia in noi, così come il presidente degli Stati uniti, e che - soprattutto - gli investitori sono sul punto di ricominciare a scommettere sul nostro paese (già, Alcide De Gasperi cercò la sua legittimazione, alla Casa bianca, Monti la cerca a Wall Street, i tempi cambiano). Siamo quasi fuori dai guai, ripete il presidente Napolitano ogni momento e ad ogni angolo. Basta applicare fino in fondo le regole della crescita - liberalizzazioni, privatizzazioni, flessibilità del lavoro - e necessariamente l'invocazione "cresci Italia" si materializzerà.
Il primo ministro greco, Papadimos, dice le stesse identiche cose (se faremo questi sacrifici, tra due anni riprenderemo a crescere del 2 o anche 3 per cento l'anno), ma lo fa in modo minaccioso e ultimativo - anche se i toni restano quelli di un seminario alla London school of economics - perché l'alternativa, afferma, è tra un duro sacrificio e una «disordinata bancarotta». Non so se l'interprete di RaiNews24 traducesse letteralmente, ma l'aggettivo «disordinata», ripetuto più volte da Papademos, fa riflettere. Disordinata, caotica, è stata fin qui la vita dei greci, intende, e questo non può che causare la bancarotta; "ordinato" è invece il fluire dei capitali secondo la loro natura, la ricerca di remunerazione, l'egoismo che necessariamente produce alla fine il benessere per tutti. Anzi, disordinata è la vita in generale, perché non rispetta i parametri, ignora gli spread e in ultima analisi, lasciata a se stessa, non è interessata al Pil.
Mi è già capitato di scrivere - quando il governo Monti era ai primi passi - che i tecnici sono in effetti quel che i francesi chiamano idiots savants: conoscono tutto del mondo astratto degli indici di borsa e del commercio di denaro, della crescita della produzione industriale e delle aspettative dei consumatori, e si tratta sempre di numeri e di percentuali, ma non sanno nulla, e non si curano, del magma meraviglioso e terribile, entusiasmante e deprimente, complicato e molteplice che è il vivere in società, il vivere e basta, dove contano i legami, gli affetti, il senso di sé.
Se per esempio Alcoa, multinazionale basata negli Usa dell'alluminio, decide di chiudere il suo stabilimento a Porto Vesme, Sardegna, i tecnici non hanno obiezioni da fare: è una decisione saldamente basata sulla misura della convenienza in una economia globalizzata. Ma come spiegherebbe la signora Fornero, ministra del lavoro e del welfare, l'operaio sull'orlo della disoccupazione che - come raccontava in una tv un sindaco del Sulcis Iglesiente - si presenta in comune con una pistola per obbligare il sindaco a trovargli un lavoro? La signora Fornero, versione femminile di Monti e di Papademos, direbbe «disordine», uno scarto folle dal binario della razionalità (economica). Al massimo, si chiederebbe come tamponare con qualche ammortizzatore sociale questo momentaneo urto, in attesa che la crescita economica guarisca la ferita.
Moltiplicate l'Alcoa per un intero paese, tagliate brutalmente stipendi, pensioni e posti di lavoro, distruggete i servizi pubblici, mettete in vendita tutto quel che uno stato può vendere, immaginate che il Sulcis Iglesiente sia grande quanto la Grecia, e otterrete l'effetto che Papademos, e sopra di lui la troika fatta di Unione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale, stanno producendo in Grecia. Paese che può salvarsi, ci si immagina, vendendo le sue coste e le sue isole, mettendo all'asta la sua storia materializzata nei monumenti dell'antichità, trasformare il suo cibo gentile in fast food e i suoi abitanti in camerieri precari dell'unica industria che sembrerebbe poter crescere, il turismo. Amo la Grecia e amo i greci, appena posso vado a fare un giro da quelle parti, apprezzo - pur non conoscendo la lingua - l'orgoglio e allo stesso tempo la familiarità che i greci offrono ai visitatori, e mi sento a casa nei panorami e odori mediterranei, perciò trovo intollerabile l'umiliazione che stanno subendo, inclusa la menzogna sulle cause della loro situazione.
Nessuno dice che a rovinare la Grecia è stato principalmente l'aver aderito a una unione monetaria dalle regole feroci - che nemmeno Francia e Germania negli anni scorsi hanno potuto rispettare - e che debito pubblico ha subito il colpo di grazia dalle Olimpiadi del 2004: sono stato ad Atene, qualche anno dopo, e ho visto le decine di strutture sportive, vezzosamente costruite in riva al mare, abbandonate alle erbacce e alla desolazione e che stavano cadendo a pezzi. I governi di allora hanno voluto entrare dalla porta principale nel circolo dei paesi ricchi, per mezzo di una Grande Opera, e hanno procurato affari colossali ai costruttori e a se stessi. Ma in questo modo la Grecia ha offerto il collo alle scuri della speculazione finanziaria, quando questa ha deciso - finita l'orgia dei mutui subprime e incamerato le colossali cifre che gli stati hanno destinato al salvataggio delle banche - che la battuta di caccia più promettente era quella dei debiti sovrani europei, aggredibili perché l'Unione non è una entità politica e nemmeno militare (come gli Usa) e paradossalemnte non è neppure una entità economica coerente, bensì un groviglio di interessi (delle politiche nazionali, delle multinazionali, della finanza).
Ma se le cause del dissesto greco e di quello europeo, a volerle vedere, sono chiare, quel che manca è una parola, una narrazione, opposta a quella dei Monti e dei Papademos. Non c'è alternativa tra il male e il peggio, dice il primo ministro greco. E allo stesso tempo la crisi greca funziona da deterrente anche per noi. «Noi non siamo la Grecia», dice Napolitano per spaventare il piccolo cittadino: attento, se non fai il bravo arriva l'uomo nero. Cioè: ora sacrificati, domani sarai premiato. Sappiamo che non è andata così, in Grecia, dopo anni di "sacrifici" e quattro o cinque tosature (è il termine tecnico dei beneducati sadici che comandano l'Europa: haircut): il Pil precipita insieme ad occupazione e redditi. Eppure non sembra esistere un'alternativa. Uscire dall'euro? Anzi, distruggere del tutto l'euro? Puntare sull'inflazione di redivive monete nazionali e quindi sulle esportazioni? Nazionalizzare le banche? Imporre per legge di non delocalizzare le imprese e di tenerle aperte comunque, magari finanziandone le perdite con denaro pubblico, come pure è stato fatto in modo costante in passato, pur di mantenere l'occupazione esistente?
Ho l'impressione - potrei ovviamente sbagliare - che medicine distillate dal brodo di coltura dell'economia tradizionale non produrrebbero granché, ammesso sia possibile applicarle in un contesto globale dominato dagli enormi flussi di capitali virtuali - ma non per questo meno contundenti - della finanza. E allora cosa? Aspettare che il discorso dominante mostri tutta la sua stupida astrazione, e che le lacrime e sangue superino gli argini della tollerabilità, fino a provocare una deflagrazione sociale e istituzionale, un crollo dopo il quale bisognerà in un modo o nell'altro ricostruire? O favorire in ogni modo la diffusione di una economia - anzi di un modo di vita - svincolata dagli obblighi del mercato, de-monetarizzata, per così dire, regolata solo dai bisogni della società e garantita da una democrazia reale che, per essere locale e sparsa, non sarà per questo meno capace di cambiare il panorama?
Qualcosa bisognerà dire e dirsi, perché è certo che una molotov su una banca non è la via d'uscita, mentre è evidente - come dimostrano da ultime le primarie per il comune di Genova - che l'aspirazione a qualcosa di diverso è molto grande.
Fonte: http://www.ilmanifesto.it
Last modified onSunday, 19 February 2012 14:00
More in this category: Un reddito oltre il lavoro »

102 comments

  • jordan shoes
    jordan shoes Thursday, 21 February 2019 20:14 Comment Link Report

    I simply wanted to jot down a remark to be able to appreciate you for those awesome tactics you are writing at this site. My incredibly long internet search has at the end been paid with brilliant tips to go over with my colleagues. I 'd express that many of us website visitors actually are truly endowed to live in a wonderful site with very many outstanding people with useful tips. I feel pretty fortunate to have used your entire web page and look forward to plenty of more amazing times reading here. Thanks a lot once again for everything.

  • yeezy boost
    yeezy boost Thursday, 21 February 2019 15:12 Comment Link Report

    I must show my admiration for your generosity in support of people who really want guidance on this idea. Your real dedication to passing the message all through has been especially practical and has continuously permitted many people much like me to get to their targets. The warm and friendly guide implies a whole lot to me and much more to my colleagues. Thanks a lot; from each one of us.

  • michael kors handbags
    michael kors handbags Wednesday, 20 February 2019 18:01 Comment Link Report

    I wanted to construct a remark so as to appreciate you for those nice hints you are writing here. My particularly long internet search has at the end of the day been compensated with extremely good insight to go over with my good friends. I 'd suppose that we readers are truly lucky to exist in a decent community with very many brilliant professionals with useful secrets. I feel really lucky to have used the webpages and look forward to so many more pleasurable times reading here. Thanks again for everything.

  • chrome hearts
    chrome hearts Tuesday, 19 February 2019 16:09 Comment Link Report

    I together with my guys have already been analyzing the excellent suggestions from your web page then then I had a horrible suspicion I never expressed respect to the site owner for those techniques. All the young men appeared to be as a result passionate to see all of them and have unquestionably been enjoying those things. I appreciate you for truly being simply kind as well as for making a decision on varieties of incredible subject matter millions of individuals are really eager to be aware of. Our own honest regret for not expressing gratitude to sooner.

  • pg 1
    pg 1 Monday, 18 February 2019 14:17 Comment Link Report

    I in addition to my buddies were reading the nice strategies located on your web page then then got a terrible feeling I had not expressed respect to you for those secrets. Those people were definitely for this reason glad to read through them and have now really been making the most of these things. Thanks for actually being well accommodating and for deciding on some wonderful issues millions of individuals are really desperate to discover. Our sincere regret for not saying thanks to you earlier.

  • golden goose
    golden goose Sunday, 17 February 2019 11:38 Comment Link Report

    My wife and i felt delighted that Albert managed to finish off his inquiry from the ideas he grabbed when using the web site. It is now and again perplexing just to find yourself giving freely tips and tricks that other people have been trying to sell. So we consider we now have the writer to be grateful to because of that. The type of explanations you've made, the straightforward website navigation, the relationships your site aid to promote - it is most superb, and it's assisting our son and our family feel that the issue is exciting, and that's especially indispensable. Thank you for all!

  • lebron 11
    lebron 11 Saturday, 16 February 2019 10:30 Comment Link Report

    I definitely wanted to compose a brief comment in order to express gratitude to you for those remarkable tips and hints you are writing on this website. My time-consuming internet lookup has finally been recognized with incredibly good content to go over with my company. I would mention that we visitors actually are unquestionably fortunate to exist in a really good site with so many lovely people with useful hints. I feel truly happy to have come across your entire website and look forward to so many more awesome minutes reading here. Thanks once again for everything.

  • Search Engine Optimization Tutorial For Beginners In English
    Search Engine Optimization Tutorial For Beginners In English Saturday, 16 February 2019 05:38 Comment Link Report

    It's very simple to find out any topic on net as compared
    to books, as I found this piece of writing at this web site.

  • yeezy boost 350 v2
    yeezy boost 350 v2 Friday, 15 February 2019 19:28 Comment Link Report

    I simply had to say thanks once more. I am not sure the things that I could possibly have achieved without these tips and hints shown by you over such field. It was before the intimidating condition in my view, nevertheless noticing this professional tactic you processed the issue forced me to weep over gladness. Now i am thankful for your information and even expect you recognize what an amazing job you are doing teaching the rest all through your websites. I am sure you haven't met all of us.

  • yeezy boost 350 v2
    yeezy boost 350 v2 Thursday, 14 February 2019 00:33 Comment Link Report

    I needed to post you one little bit of observation to be able to give many thanks once again about the pretty guidelines you've shared in this case. This is certainly remarkably generous of people like you to offer unhampered what most of us could possibly have offered as an e book to earn some bucks for their own end, most notably now that you might have tried it if you ever considered necessary. These creative ideas also worked like the easy way to recognize that many people have the identical dream like my very own to grasp more and more on the topic of this problem. I know there are some more enjoyable times up front for folks who find out your site.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.