Deprecated: Non-static method JSite::getMenu() should not be called statically in /home/andreag1/domains/sinistraeuromediterranea.it/public_html/templates/gk_bluap/lib/framework/helper.layout.php on line 117

Deprecated: Non-static method JApplication::getMenu() should not be called statically in /home/andreag1/domains/sinistraeuromediterranea.it/public_html/includes/application.php on line 536

Chi è giovane e precario oggi sarà un vecchio povero domani Featured

Si dice spesso, di questi tempi, che è molto alta la probabilità che chi è giovane e precario oggi sarà un vecchio povero domani. Questa affermazione necessita ad ogni buon conto di un riscontro. In linea generale si arriva a questa conclusione attraverso un ragionamento molto semplice, a dir poco banale: per avere una pensione bisogna lavorare un certo numero di anni e versare una certa quantità di contributi previdenziali. C’è quindi un legame strettissimo tra la qualità della vita lavorativa e ciò che si andrà a prendere di pensione, se una pensione si prenderà.

L’attuale condizione lavorativa dei giovani, segnata dal ritardo con cui si entra nel mondo del lavoro e dalla sua discontinuità, dà la garanzia di una pensione sicura e dignitosa? Per rispondere a questa domanda è necessario innanzitutto comprendere quali sono le regole in materia di previdenza oggi vigenti in Italia[1].

Com’è noto, l’ultimo intervento sul nostro regime pensionistico è stato fatto dal governo dei tecnici, presieduto dal professor Monti. In estrema sintesi la riforma ha previsto un’accelerazione del passaggio dal sistema di calcolo retributivo a quello contributivo. Se prima l’importo della pensione veniva calcolato in percentuale alle ultime buste paga percepite dal lavoratore, d’ora in avanti esso sarà calcolato soltanto sulla base dei contributi effettivamente versati. Scomparirà inoltre la pensione di anzianità, quella che si maturava combinando un certo numero di anni contributivi con l’età anagrafica. Adesso, per andare in pensione, a valere saranno solo gli anni di contribuzione: 41 anni e un mese di contributi per le donne e 42 anni e un mese per gli uomini.

Per la pensione di vecchiaia saranno richiesti 66 anni per i maschi e 62 anni per le donne, a condizione che si siano maturati almeno vent’anni di contributi. Altrimenti l’asticella salirà a settant’anni. Fermiamoci qui. Un sistema così congegnato non c’è dubbio che andrà a penalizzare fortemente, irrimediabilmente, le nuove generazioni. Non è necessario essere dei tecnici o dei professori della Bocconi per capire che chi ha vissuto tutta la propria vita lavorativa passando da stati di non-occupazione ad impieghi temporanei con contratti flessibili non potrà mai e poi mai contare su una continuità contributiva, ma soprattutto su un certo numero di contributi, che gli consentano di raggiungere i livelli minimi richiesti per avere una pensione. È una questione di numeri, non di politica, né culturale o ideologica.

Un giovane nato intorno alla metà degli anni ottanta, tanto per fare un esempio, che ha fatto regolarmente gli studi fino all’università, senza perdere un solo anno, trovando un impiego il giorno dopo aver conseguito la laurea e lavorando ininterrottamente per 42 anni con uno stipendio di media entità,  dopo i sessant’anni con questa riforma potrebbe ricevere una pensione più o meno dignitosa. Ma quanti sono in Italia i giovani con diploma o con laurea che immediatamente dopo il conseguimento del titolo di studio iniziano a lavorare con contratti a tempo indeterminato, per mansioni corrispondenti alla propria specializzazione? E’ noto a tutti: non più del 10%.

Cosa si deve dedurre, quindi, da questo stato di cose? Che l’esecutivo Monti, proseguendo su un sentiero già battuto dai precedenti governi,  ha fatto una riforma del sistema pensionistico per il 10% dei giovani italiani, punendo il restante 90%. Ma non è finita qui. Questa riforma ha aggiunto al danno la beffa. I precari sono sì precari, ma i contributi, sebbene a spezzatino, li versano anche loro. Sia che abbiano contratti di lavoro a tempo determinato, sia che abbiano contratti di collaborazione a progetto con partita Iva.

Negli ultimi anni sono aumentate abbondantemente le partite Iva nel nostro paese, ma non solo e non tanto perché sono nate nuove aziende o sono cresciuti vistosamente gli studi professionali: dietro la maggior parte di queste partite Iva ci sono lavoratori subordinati mascherati. Sono state tante le aziende italiane in questi anni, ma la pubblica amministrazione non è stata da meno, che hanno preso il proprio personale con contratti di collaborazione a progetto o trasformato un precedente rapporto di lavoro subordinato in una prestazione d’opera dietro fatturazione, per non avere vincoli contrattuali con i lavoratori, per non pagare contributi, per abbassare notevolmente il costo del personale. Solo nel 2012 sono state circa 549.000 le nuove aperture di partita Iva (+2,2% rispetto al 2011) e più della metà di queste sono riferite a giovani di età inferiore ai 35 anni[2].

In tutti questi contratti di collaborazione c’è scritto sempre, a chiare lettere, una frase di questo tipo: “Le suddette attività hanno carattere professionale autonomo e non potranno mai essere configurate come rapporti di lavoro subordinato o di collaborazione”. Si può immaginare il sollievo per un datore di lavoro, ma anche la frustrazione di un giovane, spesso laureato, che deve vestire l’abito del libero professionista svolgendo di fatto un lavoro da subordinato.

A differenza di un lavoratore dipendente tradizionale, un collaboratore a progetto è tenuto a versare esso stesso i propri contributi, in rapporto al fatturato. E dove vanno questi contributi? C’è un fondo dell’Inps, il Fondo Gestione Separata, in cui confluiscono i contributi di tutti i titolari di partite Iva non iscritti a particolari albi professionali. Si tratta di un salvadanaio che raccoglie di tutto, un pozzo profondo in cui finiscono ogni anno circa 8 miliardi di Euro.

Dovrebbe essere il salvadanaio in cui i precari, tanti lavoratori atipici e parasubordinati, ripongono i loro soldini per garantirsi una pensione domani. Ma, purtroppo per loro, non è così. Perché quei soldi serviranno certamente a tenere in ordine i conti della previdenza italiana ed a pagare l’assegno ai pensionati di oggi, ma non serviranno a pagare la pensione a chi ce li ha messi, sacrificando mediamente il 20% del proprio reddito.

Destino amaro e beffardo quello della generazione dei precari, vittime e cariatidi di un sistema che non sa valorizzare i suoi figli migliori.

E che il sistema non sappia, non voglia, prendersi cura dei suoi figli è testimoniato anche da un altro aspetto implicito nel regime pensionistico: la discrasia tra volontà di rilancio dell’occupazione e innalzamento a limiti intollerabili dell’età pensionabile. Anche qui la conclusione si presenta in tutta la sua banalità: più alta sarà l’età prevista per andare in pensione, più lento e macchinoso sarà il processo di ricambio nelle postazioni lavorative.

L’attuale situazione italiana richiede un cambiamento radicale dei punti di vista sull’economia e sulla società. Soprattutto è necessario che venga rovesciata la logica che ha ispirato nell’ultimo ventennio i governi in tema di lavoro, di previdenza, di opportunità da offrire ai giovani. Questa società è la metafora dell’antropofagia ugoliniana, mangia i propri figli negandosi così una prospettiva di futuro.

 


[1] Decreto legge n.201 del 2011 (decreto Salva Italia ), successivamente convertito nella Legge n.214/2011.

[2] Fonte: Ministero dell’Economia/Dipartimento delle Finanze 

13 comments

  • yeezy boost 350
    yeezy boost 350 Friday, 22 February 2019 01:46 Comment Link Report

    I and also my pals ended up examining the best thoughts on your web site then immediately developed a terrible feeling I had not thanked the blog owner for those secrets. Those young boys were as a result happy to learn all of them and have in effect truly been using these things. Appreciate your indeed being considerably considerate as well as for finding this form of cool themes most people are really wanting to understand about. My honest apologies for not saying thanks to you earlier.

  • goyard tote
    goyard tote Thursday, 21 February 2019 06:52 Comment Link Report

    Needed to put you that little remark to be able to thank you very much over again for your pleasant suggestions you've contributed on this site. This is certainly extremely open-handed with people like you to supply easily what many of us could have sold for an ebook in making some cash on their own, certainly given that you could possibly have done it if you ever considered necessary. The suggestions as well acted like the fantastic way to be certain that the rest have a similar keenness just as my own to realize more on the topic of this issue. I am certain there are millions of more fun moments in the future for those who read through your website.

  • moncler jackets
    moncler jackets Wednesday, 20 February 2019 04:06 Comment Link Report

    I am glad for writing to let you be aware of of the awesome experience my cousin's daughter undergone visiting yuor web blog. She mastered such a lot of details, which included what it is like to possess an amazing coaching heart to make the others without hassle comprehend some complex topics. You undoubtedly surpassed my desires. Thank you for supplying the great, trusted, informative and in addition easy tips on this topic to Sandra.

  • yeezy boost
    yeezy boost Tuesday, 19 February 2019 03:26 Comment Link Report

    My husband and i felt so satisfied Peter could carry out his web research using the ideas he acquired using your weblog. It's not at all simplistic to just be giving out points that other people may have been making money from. Therefore we do know we have got you to give thanks to for that. The type of illustrations you made, the simple blog menu, the friendships you can assist to foster - it is all powerful, and it's really letting our son in addition to the family believe that the idea is fun, which is wonderfully essential. Thanks for everything!

  • jordan 4
    jordan 4 Monday, 18 February 2019 01:51 Comment Link Report

    I wish to show some thanks to this writer for bailing me out of such a incident. Because of exploring throughout the online world and obtaining proposals that were not productive, I thought my life was over. Existing without the answers to the problems you've fixed through the guide is a critical case, as well as those which may have adversely affected my entire career if I had not encountered the website. Your knowledge and kindness in controlling all things was important. I'm not sure what I would have done if I had not come upon such a stuff like this. I am able to now relish my future. Thanks a lot so much for your high quality and sensible help. I will not think twice to endorse your web site to anyone who should get guidelines on this matter.

  • offwhite
    offwhite Sunday, 17 February 2019 00:29 Comment Link Report

    Thank you for all of your hard work on this website. Gloria really likes making time for research and it is easy to understand why. All of us learn all regarding the dynamic medium you convey efficient techniques through this web blog and therefore cause participation from some others about this area then our simple princess is in fact being taught a great deal. Enjoy the remaining portion of the year. You are always performing a first class job.

  • yeezy boost 350
    yeezy boost 350 Saturday, 16 February 2019 05:42 Comment Link Report

    Needed to put you that very little remark just to give many thanks again with the incredible views you have documented on this website. It was certainly shockingly open-handed of you to convey freely what many people would have sold as an ebook to get some money for themselves, most notably since you might well have tried it if you ever wanted. Those thoughts in addition acted as the good way to be aware that some people have the same dream much like my own to find out more related to this matter. I believe there are some more pleasant sessions ahead for folks who find out your blog.

  • michael kors factory outlet
    michael kors factory outlet Friday, 15 February 2019 23:23 Comment Link Report

    Thank you a lot for giving everyone an extremely brilliant possiblity to read in detail from this blog. It's usually so awesome and as well , full of a good time for me and my office friends to visit the blog more than 3 times a week to see the fresh things you have got. Not to mention, I'm so actually fulfilled with all the superb creative ideas you serve. Selected two ideas in this post are unequivocally the simplest we have all had.

  • longchamp
    longchamp Thursday, 14 February 2019 22:36 Comment Link Report

    A lot of thanks for all of your hard work on this site. Kate takes pleasure in going through research and it's really simple to grasp why. My spouse and i learn all concerning the dynamic means you offer good items through this blog and therefore attract response from other people on this concern plus our favorite daughter is certainly learning so much. Take advantage of the rest of the year. You're the one performing a very good job.

  • retro jordans
    retro jordans Wednesday, 13 February 2019 21:16 Comment Link Report

    Thanks a lot for providing individuals with an extraordinarily breathtaking chance to discover important secrets from this site. It's usually so pleasurable and packed with fun for me personally and my office fellow workers to visit your web site really thrice per week to read through the fresh guidance you will have. And definitely, we're certainly impressed with the special tactics you give. Certain two tips in this article are in fact the best I have ever had.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.