Tragedie del Mediterraneo. Renzi: ipocrita o impotente?

Renzi, e gli altri capi di Governo che Paesi dell' UE, a meno che non debbano essere considerati pupazzi nelle mani di altri poteri,
decidono le politiche e le strategie dell'UNIONE.
 
Allora, se si fermano ad una reiterata manifestazione di dolore a uso TV , quando vanno a picco i barconi dei disperati, mostrano una dose incommensurabile  di ipocrisia e cinismo.
Se così non è 
Aprano il sempre richiesto corridoio umanitario;
diano vita , nel semestre prossimo di presidenza italiana del Consiglio UE , alla Conferenza Diplomatica per creare, a trattati vigenti, Una COMUNITA' MED-EU.
 
Difronte all'immane ,permanente tragedia della disperazione e della speranza si ripete l'indecoroso , ipocrita spettacolo delle dichiazioni dei capi di Stato e di Governo ed i loro lamenti verso l'Europa. 
Ma l'Europa non è una categoria dello spirito. È una precisa realtà istituzionale le cui strategie e scelte politiche,economiche,sociali,umanitarie e geopolitiche sono decise proprio dai capi di Stato e di Governo dei Paesi membri. 
Perció il presidente Renzi e il suo ministro Alfano non possono lamentarsi e parlare come se fossero i capi di una ONG e non del governo di uno dei grandi Paesi fondatori dell'UE.
Sono loro, con gli altri colleghi dei 26 Paesi dell'Unione, che decidono e impongono l'austerità, massacrano i Paesi del Sud Europa e le classi sociali più deboli di tutto il continente, cancellano diritti e democrazia ,salvano le banche e affondano nel Mediterraneo la vita e la speranza di milioni di disperati in fuga dalla miseria,dalle guerre e da inaudite atrocità e violenze.
Renzi,piuttosto che lamentersi ipocritamente in tv, ci dica cosa intende fare adesso e nell'imminente semestre in cui guiderà il Consiglio d'Europa. 
Noi, dal FSM di Tunisi dello scorso anno, una proposta l'abbiamo fatta e gliel'abbiamo girata: promuova come primo atto del suo mandato, la convocazione di una conferenza diplomatica per la costruzione ,possibile a trattati vigenti, di una Comunità MED-EU, in cui regolare in modo nuovo i rapporti tra i Paesi delle diverse sponde del Mediterraneo e garantire, tra l'altro, la circolazione libera e sicura delle persone nell' insieme del bacino.
Nelle more chieda una riunionione urgente del Consiglio d'Europa per decidere di aprire come risposta immediata alla tragedia permanente della disperazione che solo una ipocrisia senza limiti si ostina a chiamare emergenza, di un canale umanitario per bloccare l'ecatombe infinita e dare un colpo vero alle mafie dei trafficanti. Il resto è vergognosa ipocrisia e chiacchiera da televisione e rete.
Foto: Difronte all'immane ,permanente tragedia della disperazione e della speranza si ripete l'indecoroso , ipocrita spettacolo delle dichiazioni dei capi di Stato e di Governo ed i loro lamenti verso l'Europa. 
Ma l'Europa non è una categoria dello spirito. È una precisa realtà istituzionale le cui strategie e scelte politiche,economiche,sociali,umanitarie e geopolitiche sono decise proprio dai capi di Stato e di Governo dei Paesi membri. 
Perció il presidente Renzi e il suo ministro Alfano non possono lamentarsi e parlare come se fossero i capi di una ONG e non del governo di uno dei grandi Paesi fondatori dell'UE.
Sono loro, con gli altri colleghi dei 26 Paesi dell'Unione, che decidono e impongono l'austerità, massacrano i Paesi del Sud Europa e le classi sociali più deboli di tutto il continente, cancellano diritti e democrazia ,salvano le banche e affondano nel Mediterraneo la vita e la speranza di milioni di disperati in fuga dalla miseria,dalle guerre e da inaudite atrocità e violenze.
Renzi,piuttosto che lamentersi ipocritamente in tv, ci dica cosa intende fare adesso e nell'imminente semestre in cui guiderà il Consiglio d'Europa. 
Noi, dal FSM di Tunisi dello scorso anno, una proposta l'abbiamo fatta e gliel'abbiamo girata: promuova come primo atto del suo mandato, la convocazione di una conferenza diplomatica per la costruzione ,possibile a trattati vigenti, di una Comunità MED-EU, in cui regolare in modo nuovo i rapporti tra i Paesi delle diverse sponde del Mediterraneo e garantire, tra l'altro, la circolazione libera e sicura delle persone nell' insieme del bacino.
 Nelle more chieda una riunionione urgente del Consiglio d'Europa per decidere di aprire come risposta immediata alla tragedia permanente della disperazione che solo una ipocrisia senza limiti si ostina a chiamare emergenza, di un canale umanitario per bloccare l'ecatombe infinita e dare un colpo vero alle mafie dei trafficanti. Il resto è vergognosa ipocrisia e chiacchiera da televisione e rete.
2

 www.sinistraeuromediterranea.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna