Lettera Organizzazioni Società Civile Paesi Sud Mediterraneo

Website: www.annd.org                  
P.O.Box: 14/5792 Mazraa 1105 2070 Beirut- Lebanon

Ziad Abdul Samad at Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. & Kinda Mohamadieh at Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Contacts: Arab NGO Network for Development 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI: 
---------------------------------------------------------------------------------
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 00- 973-17827370
Tel:             00-973-17811677      
Bahrain Transparency Society- Bahrain

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Tel: 00-973- 17 262 237
The Bahrain Young Ladies Association- Bahrain

Tel:             00-973-3 966 3585      
Social Bahraini Association- Bahrain

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Fax: 00-97317678927
Tel:             00-97317678947      
Awal Women Society- Bahrain

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Fax: 00-973-17826836
Tel:             00-973-17825425      
Bahraini Human Rights Society- Bahrain

General Federation of Trade Union- Bahrain

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 00-22245293538
Tel: 00-22236348168
The Mauritanian Association for Rural Development- Mauritania

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 00-22245294998 
Tel: 00-22246495052
The Mauritanian Network for Social Action- Mauritania

Center Aziz Belal for Research and Studies- Morocco

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 00-212 53 7774183
Tel: 00-212 53 7774341
Espace Associatif – Morocco


Association of Human Rights Defenders- Jordan

Tel:             00-962 6 4655043      
Amman Center for Studies- Jordan

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 00- 962 6 5690681
Tel: 00- 962 6 5690691
Mizan Law Group for Human Rights- Jordan

Jordanian Society for Human Rights- Jordan

Arab Organization for Human Rights- Jordan

Fax: 00-962 6 5602371
Tel:             00-962 6 5602384      
Justice Center for Human Rights Studies- Jordan

Tel:             00-962 777300343      
Association of East and West for the development of human resources- Jordan

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 00-962 6-5526768
Tel:             00-962 6-5560741      
The Jordanian National Commission for Women- Jordan

Equality Now- Jordan

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Tel:             00-962 795673501       
Lawyers for Defending Human Rights Society- Jordan

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 00-96265687061
Tel:             00-96265687038      
Jordanian Women's Union- Jordan

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel:             00-21671880693      
Association for Research on Democracy and Development-Tunisia

E-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.él/Fax :00-216 71 870 580 
Association des Femmes Tunisiennes pour la Recherche sur le Développement- Tunisia

Tel:             00-21698329734      
Tunisian League of Human Rights- Tunisia

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 00-216 71 890 032  
Tel: 00-216 71 890 011 
Association Tunisienne des Femmes Democrats- Tunisia

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Tel:             00-202 2-4016474      /4150546
The Egyptian Association for Community Participation Enhancement- Egypt

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 00-202862330661-2329575
Tel:    00-202862330661-2329575
The Better Life Association for Comprehensive Development- Egypt

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Tel: 00-201 2 1519598
Center for Economic and Social Rights- Egypt

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel: 00-201005760794
Egyptian Association for Community Participation- Egypt

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel: 00-201005760794
Right to Water Forum in the Arab Region- Egypt

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fax: 0020225730877
Tel:             0020225730877      
Awlad Alard Association for Human Rights- Egypt

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Tel-Fax:            00-961 1 745744       / 739986
Al-Wafic NGO- Agriculture Development & Investment - Lebanon

Tel: 00961-1752148-             009613838504      
Lebanese Environmental Party- Lebanon

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Tel: 00961-1752148-             009613838504      
Lebanese Association for Environment and Development-Lebanon

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel:             00-961 3 871186      
Euro-Med NGO Platform- Lebanon

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Tel:             00-961 3-284596      
Creadel Liban- Lebanon

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Fax: 00-961 1 739074
Tel:             00-961 1 738683      
The Arab Anti Corruption Organization- Lebanon

Website: www.annd.org
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Fax: 00-961 1 815636 
Tel:             00-961 1 319366      
Arab NGO Network for Development- Lebanon
LISTA DELLE ORGANIZZAZIONI FIRMATARIELIST OF SIGNATORY ORGANIZATIONS: 

Overall, the undersigned organizations perceive that the model of investment agreements proposed by the EU remains skewed towards the sole aim of providing unconditional maximum protection to the European investors and investments abroad, carries significant threats to democratic processes, public policies and public interest, and fails to evolve into a policy instrument that supports sustainable, productive, and employment-generating development. The EU is invited to seek more consultation with developing partner countries, including all relevant stakeholders- a priori and ex-ante- to assess the real necessities and potential outcomes.

It is important to note that the four countries covered by the new mandate of the European Commission are part of a broader trade project entitled the Pan-Arab Free Trade Area, which involves free trade in goods and is currently negotiating a regional trade agreement in services. Besides, they are involved in the South-South Agadir process. In light of this context, it is important that any further bilateral negotiations between these countries and the EU do not hinder the process of achieving an added value regional agreement, nor legally contradict or weaken the process of establishing a regional agreement on trade in services. 

agreements.
Moreover, protecting the development policy space of developing countries involved in these agreements cannot be achieved and guaranteed through the sole inclusion of the chapter on sustainable development or clauses addressing human rights and social and environmental responsibilities in the agreements. It is essential to ensure the integration of human rights and development considerations in decision-making throughout the policy formulation, design, and implementation, including checking and adapting the processes related to trade and investment 

As long as the EU commission did not progress on the process requested by the EU Parliament (including to secure a model of agreements in investment that respect the capacity for public intervention; clarify the definition of investor in order to redress any negative impacts on public interest and the sovereign right to regulate, avoid protection of speculative forms of investment and forms of investment resulting in abusive practices, and making the dispute settlement regime more transparent, more inclusive, including the obligation to exhaust local remedies) then initiating negotiations on agreements in investment with Arab countries will have significant negative implications on policy space in these countries. 

While the Arab countries are seeking to revise their constitutions and their development plans, they are also addressing their regulatory capacities to serve the public interest and to redress violations of citizens’ economic and social rights undertaken under previous regimes as well as exploitation of the countries’ national resources and economic assets. 
This applies to Morocco and Jordan as well, where new negotiations should not be undertaken without proper human rights and development assessments of the existing agreements, with a participatory process that genuinely engages stakeholders and civil society from various sectors.

While the EU is currently undertaking the ‘scoping exercise’ with the aim of assessing the countries’ readiness to start negotiations on ‘deep and comprehensive free trade agreements’, and while the Parliament asked the Commission to include the eligibility criteria of the ‘More for More’ as part of the process of preparation for negotiations, it is imperative to underline the importance of including a full assessment of human rights and development implications before any negotiations proceeds. 

There is an urgency to stop the ‘business as usual’ approach to trade and investment and to re-establish these policies and instruments to support a nationally nurtured development and economic policy. This necessitates a full assessment- based on a human rights and development approach- of the outcomes of existent agreements and any future one. As noted by the UN Special Rapporteur on Right to Food “human rights impact assessments can help governments determine whether new or existing trade and investment agreements will undermine their human rights obligations. Ensuring consistency between human rights obligations and trade and investment agreements is essential at the stage of negotiation of such agreements. Otherwise, because of the stronger enforcement mechanisms in trade and investment regimes, human rights obligations risk being set aside when conflicts arise”.

Any steps that over-ride this approach are considered a backlash on democratic transitions and result in negatively impacting policy space that citizens of these countries have re-established through their revolutions and continuous mobilizations. 

Negotiations on any new trade or investment agreements should not be undertaken before new constitutions are established in the Arab countries witnessing transition, and before a development model for these countries is established with priority given to peoples’ economic and social rights. It is fundamental for the democratic and development process in Southern Mediterranean countries to re-establish trade and investment policies in alignment with the development levels achieved by partner Arab countries, whereby they would be tailored and managed to serve the revised development paradigm called for by the peoples in the Arab region. 

Within this context, the undersigned organizations call upon the Members of the European Parliament to consider the following concerns: 

It is important to note that the proposal for ‘deep and comprehensive free trade agreements’ with Southern Mediterranean Arab countries is not a new one and accordingly is not designed to serve the specific economic and social needs that these countries are facing at this stage. In fact, this proposal was put forward by the EU commission in a non-paper entitled “ENP- A Series of Deep Free Trade Agreements as a Path towards a Neighborhood Economic Community (NEC)” during the year 2007. Back then, civil society groups have critiqued this proposal for lack of rights-based and developmental considerations, potential negative impacts on policy space, lack of addressing the political and economic contexts and priorities of Arab countries, and lack of sound partnership mechanisms. Accordingly, these are not new proposals, but a mere repackaging of old proposals that have been previously faced by significant opposition. Moreover, proposals to include negotiations on investment, government procurement, and competition policy under the multilateral process of negotiations at the World Trade Organization have for many years faced significant opposition from developing countries, including governments and peoples.

However, the EU continues to push a trade and investment agenda that have proved unsupportive of development needs of its partner countries and that could override national democratic transition if maintained or deepened. This includes the agenda of negotiating liberalization of trade in services that have already started, as well as initiating negotiations in the areas of investment, government procurement, and competition policy.

Support for economic growth should be rooted in support of people’s choices to a revised economic model, where productive capacities, redistribution mechanisms, employment and wages take forefront. For such purposes, trade and investment policies established by the previous regimes need to be revised in order to serve a development vision and not concentration of economic powers in the hands of the few. 

Within this context, civil society groups from the Arab region have previously noted  that “while the economic situation in countries like Egypt and Tunisia might have witnessed certain set backs in the time of the transition, there is a need to consider that the long term economic and development transition necessitate a vision for re-establishing the economic and development model and not to re-stabilize the model drawn by previous regimes, which clearly did not serve the development rights and needs of the people, and under which poverty, unemployment, and inequalities continued and deepened in many areas”. 

While these decisions are pursued at the EU level, peoples of various Arab countries, including Egypt, Tunisia, Morocco, and Jordan have came out to demonstrate their rejection of the political as well as economic and social models of governance in their countries, through revolutions and mobilizations that started at the end of 2010 and continue into 2012. For people in the Arab countries and civil society groups active across the Arab region, the revolutions continues until economic and social models are re-established to prioritize peoples’ right to development and justice.  

We have received with concern the information regarding the approved mandate of the European Commission to start negotiations towards establishing ‘deep and comprehensive free trade agreements’, which extend to cover investment protection, government procurement, and competition policy. 

We, a group of concerned human rights and development civil society organizations from the Arab region, write to you concerning the EU trade and investment strategy for the Southern Mediterranean. 


The Proposed ‘Deep Free Trade Agreements’ by the EU Could Represent a Backlash Against Democratic Transition Processes in the Arab Region

Letter by Civil Society Groups from Egypt, Tunisia, Morocco, Jordan, and Other Arab Countries

Soprattutto, le sottoscritte organizzazioni considerano che il modello di accordi di investimenti proposto dalla UE, finalizzato al solo scopo di fornire la massima protezione incondizionata agli investitori europei e agli investimenti all'estero, porta significative minacce ai processi democratici, alle politiche pubbliche e all'interesse pubblico, e non e' uno strumento politico a sostegno di uno sviluppo sostenibile, produttivo e generatore di impiego. Invitiamo la Unione Europea a attivare una ampia consultazione con i paesi partner, inclusi tutti gli attori sociali rilevanti, a priori e prima di qualsiasi passo, per una valutazione delle reali necessita' e dei potenziali risultati. 

E' importante notare che i quattro paesi coinvolti nel nuovo mandato della Commissione Europea sono parte di un più largo progetto commerciale chiamato la Area di Commercio Libero Pan Araba, che riguarda il libero commercio di merci e stanno attualmente negoziando un accordo regionale sul commercio dei servizi. Inoltre, essi sono anche coinvolti nel processo Sud-Sud Agadir. Alla luce di questo contesto, e' importante che qualsiasi ulteriore negoziato bilaterale fra questi paesi e l'UE non ostacoli il processo degli accordi locali, non contraddica o indebolisca il processo di realizzazione di accordi regionali sul commercio dei servizi. 

In piu', la protezione degli spazi di politica per lo sviluppo dei paesi coinvolti in questi accordi non può' essere raggiunto e garantito attraverso la sola inclusione negli accordi del capitolo sullo sviluppo sostenibile o di clausole riferite ai diritti imani e alle responsabilità sociali ed ambientali. E' essenziale assicurare l'integrazione delle considerazioni relative ai diritti umani e allo sviluppo nei processi decisionali attraverso la formulazione, il disegno e la realizzazione delle politiche, inclusa la verifica e l'adattamento dei processi relativi agli accordi sul commercio e gli investimenti. 

Fino a quando la Commissione Europea non avanzerà nel processo richiesto dal Parlamento Europeo (incluso un modello di accordi sugli investimenti che rispetti la possibilità di interventi pubblici; che chiarifichi la definizione di investitore per evitare qualsiasi impatto negativo sull'interesse pubblico e sul diritto sovrano di regolazione, evitare la protezione di forme speculative di investimento e forme di investimento che realizzino pratiche abusive; che rendano più trasparente e più inclusivo il regime di soluzione delle dispute, includendo l'obbligo a rimediare ai danni in loco) iniziare negoziati su accordi di investimento nei paesi arabi avrà gravi negative implicazioni sugli spazi politici di questi paesi. 

Mentre i paesi arabi stanno cercando di riscrivere le loro costituzioni e i loro piani di sviluppo, stanno anche affrontando le loro capacita' regolatorie per servire gli interessi pubblici e per riparare le violazioni ai diritti economici e sociali dei cittadini prodotte dai precedenti regimi così come lo sfruttamento delle risorse nazionali e i sistemi economici. 

Questo si applica anche al Marocco e alla Giordania, dove nuovi negoziati non dovrebbero iniziare senza serie valutazioni dell'impatto su diritti umani e sviluppo degli accordi esistenti, con un processo partecipativo che coinvolga seriamente gli attori sociali e i diversi settori della società civile. 

Mentre la Ue sta iniziando la fase di definizione di quadro con l'obiettivo di monitorare la prontezza dei paesi a iniziare i negoziati su "accordi di libero scambio approfonditi e globali" e mentre il parlamento ha chiesto alla Commissione di includere i criteri di eleggibilità "More and More" come parte del processo di preparazione ai negoziati, e' imperativo sottolineare l'importanza di includere una piena valutazione delle implicazioni sui diritti umani e sullo sviluppo prima che qualsiasi negoziato vada avanti. 

E' urgente fermare l'approccio "business as usual" del commercio e degli investimenti, di ridefinire queste politiche e gli strumenti per sostenere uno sviluppo e una politica economica alimentati a livello nazionale. Ciò necessita una piena valutazione -basata sui diritti umani e sullo sviluppo - dei risultati degli accordi esistenti e di qualsiasi accordo futuro. Come segnalato dallo Special Rapporteur delle Nazioni Unite sul diritto al cibo "la valutazione di impatto sui diritti umani può aiutare i governi a determinare se nuovi o esistenti accordi su commercio e investimenti mineranno i loro obblighi per i diritti umani. Assicurare coerenza tra gli impegni per i diritti umani e gli accordi su commercio e investimenti e' essenziale allo stadio della negoziazione di questi accordi. Altrimenti, a causa dei meccanismi rafforzati di imposizione nei regimi del commercio e degli investimenti, gli impegni vincolanti sui diritti umani rischiano di essere messi da parte quando nasce fra di essi un conflitto". 

Qualsiasi passo che ignori questo approccio deve essere considerato come una reazione contraria alle transizioni democratiche e avrebbe un impatto negativo nello spazio politico che i cittadini di questi paesi hanno ristabilito attraverso le loro rivoluzioni e continue mobilitazioni. 

Negoziati per qualunque nuovo accordo su commercio e investimenti non devono essere intrapresi prima dell'entrata in vigore delle nuove Costituzioni che nei paesi arabi testimoniano la transizione, e prima che siano definiti i modelli di sviluppo per questi paesi, con priorità ai diritti economici e sociali dei popoli. E' essenziale per i processi democratici e di sviluppo nel Mediterraneo del sud ristabilire politiche di commercio e di investimenti in linea con i livelli di sviluppo raggiunti dai partner dei paesi arabi, e dunque essi dovrebbero essere pensati e gestiti per servire i rivisti paradigmi di sviluppo voluti dai popoli della regione araba.  

In questo contesto, le nostre organizzazioni fanno appello ai Parlamentari Europei affinché considerino le seguenti preoccupazioni: 

E' importante notare che la proposta per un accordo di libero commercio approfondito e globale con i paesi del Mediterraneo del sud non e' nuovo, e non e' dunque pensato per rispondere ai bisogni economici e sociali di questi paesi in questa specifica fase. E infatti questa proposta fu avanzata dalla Commissione Europea in un documento intitolato "ENP - Una serie di accordi di pieno libero scambio come percorso verso la Comunità economica di vicinato (NEC)" nell'anno 2007. Anche allora, i gruppi della società civile avevano criticato questa proposta perché non era fondata sui diritti, per considerazioni relative allo sviluppo, per l'impatto negativo potenziale sullo spazio politico, la non aderenza ai contesti politici ed economici e alle priorità dei paesi arabi, per la  mancanza di meccanismi di partnership. Dunque, queste non sono nuove proposte, ma una mera ripresentazione di vecchie proposte che hanno già avuto una significativa opposizione. In più, la proposta di includere i negoziati sugli investimenti, gli appalti pubblici e la politica di competizione nei processi multilaterali di negoziati all'Organizzazione Mondiale per il Commercio da molti anni ha una importante opposizione dei paesi in via di sviluppo, sia governi che società civile. 

Tuttavia, la Ue continua a spingere per una agenda del commercio e degli investimenti che ha dimostrato di non essere utile ai bisogni di sviluppo dei paesi partner e che potrebbe distruggere le transizioni democratiche se confermata o approfondita. Ciò include l'agenda negoziale per la liberalizzazione del commercio dei servizi che e' già cominciata, così come l'inizio dei negoziati nell'area degli investimenti, degli appalti pubblici e della politica di competizione. 

Il sostegno alla crescita economica dovrebbe essere fondato sul sostegno alla scelta dei popoli di rivedere il modello economico, e dovrebbe avere come priorità la capacita' produttiva, l'occupazione e i salari. A questo scopo, le politiche commerciali e di investimento create dai vecchi regimi devono essere riviste per essere messe al servizio di una visione di sviluppo, e non della concentrazione di potere nelle mani di pochi. 

In questo contesto, i gruppi di società civile della regione araba hanno già altre volte sottolineato, mentre la situazione economica in paesi come l'Egitto e la Tunisia peggiora, che una transizione economica e di sviluppo di lungo termine necessita di una visione per ricostruire un modello sociale ed economico, non di ricostruire un modello disegnato dai vecchi regimi, che chiaramente non serviva ai diritti allo sviluppo e ai bisogni dei persone, e per effetto del quale la povertà, la disoccupazione e l'ingiustizia sono proseguiti e si sono approfonditi in tante aree. 

Per i popoli dei paesi arabi e per i gruppi di società civile attivi nella regione araba, le rivoluzioni continueranno fino a quando nuovi modelli sociali ed economici metteranno in priorità il diritto dei popoli allo sviluppo e alla giustizia. 

Mentre queste decisioni vengono prese dall'Unione Europea, i popoli di molti paesi arabi, inclusi l'Egitto, la Tunisia, il Marocco e la Giordania sono scesi in campo per dimostrare il loro rifiuto dei modelli politici, economici e sociali di governo nei loro paesi, con rivoluzioni e mobilitazioni che sono iniziate all'inizio del 2010 e ancora proseguono. 

Abbiamo ricevuto con preoccupazione l'informazione relativa all'approvazione del mandato della Commissione Europea per iniziare negoziati mirati a stabilire "accordi di libero scambio approfonditi e globali" che si estenderebbero fino a includere la protezione degli investimenti, gli appalti pubblici, la politica di concorrenza. 

Noi, organizzazioni di società civile impegnate per i diritti umani e lo sviluppo nella regione arava, vi scriviamo a proposito della strategia dell'Unione Europea per il commercio e gli  investimenti per il Mediterraneo del Sud.  

L' "Accordo di  Libero Scambio Approfondito" proposto dall'Ue e' una reazione contraria ai processi di transizione democratica nella regione araba. 

Lettera dei gruppi di società civile di Egitto, Tunisia, Marocco, Giordania e altri paesi arabi


Please spread widely
Per favore diffondete

Here you find a call of the Southern Mediterranean civil society organizations, who define this step as a reaction against the democratic transition.

Qui trovate in italiano una lettera delle organizzazioni di società civile del sud mediterraneo, che definiscono questa scelta una reazione contraria alla transizione democratica.

The Trade Council on 14 December, agreed to launch the scoping exercise for a deep and comprehensive free trade agreement (DCFTA) with Egypt, Tunisia, Morocco and Jordan to be approved during 2012. 

Il Consiglio Affari Generali/Commercio dell'Unione Europea ha approvato, nella sessione del 14 dicembre, l'avvio della definizione di quadro per un "globale e approfondito accordo di libero scambio" (DCFTA) con Egitto, Tunisia, Marocco e Giordania da realizzarsi nel 2012
Fonte: http://www.s2bnetwork.org/
Ultima modifica ilDomenica, 19 Febbraio 2012 14:09

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna