INVITO A RIUNIONE A ROMA IL 16 LUGLIO

da Raffaella Bolini:

INVITO A RIUNIONE A ROMA IL 16 LUGLIO

PER UN INCONTRO APERTO A TUTTE LE ORGANIZZAZIONI E RETI
IMPEGNATE IN VARI MODI SULLA DIMENSIONE EUROPEA

PER CONFRONTARSI
E VERIFICARE LA POSSIBILITÀ DI INTRECCIARE PERCORSI, INIZIATIVE E CAMPAGNE
NEL PROSSIMO ANNO

Roma, 16 luglio presso Arci, via dei Monti di Pietralata 16, dalle ore 11.00 alle ore 16.00
Comunicazione
Atene ha rappresentato un ulteriore tentativo di rilancio dell’iniziativa sul terreno europeo, un terreno difficile e poco attraente per grandi strati della popolazione che guardano ormai con disinteresse se non con ostilità ogni riferimento a questa dimensione.
Un appuntamento, quello di Atene, che, anche se non ha prodotto un balzo in avanti nella opposizione europea, cosa che del resto non ci aspettavamo, ci consente comunque di rafforzare una relazione di solidarietà. Una solidarietà con le tante esperienze di auto soccorso che in Grecia si stanno promuovendo, ma anche tra i tanti soggetti europei che sono stati presenti durante il percorso e in quei giorni. Il ritardo soggettivo e le difficoltà oggettive sono grandi, e rimangono le stesse che ci portarono anche a promuovere Firenze 10+10. Sia quell'esperienza che l'Alter Summit sono state un contributo ad affrontare il problema, non certo la soluzione.
D'altro canto, in questa situazione di difficoltà e debolezza comune, l'Alter Summit ha avuto però il pregio di aver messo insieme una serie di soggetti, anche importanti, che sono stati capaci di produrre una piattaforma comune. Il Manifesto è una piattaforma utile e importante, che può essere di aiuto nel prossimo periodo.
Anche se dall'Alter Summit non è emersa una proposta di iniziativa condivisa (benchè si siano confermate o poste le basi per diverse campagne europee), la rete può diventare, se deciderà di proseguire il suo lavoro, un luogo utile  da cui rilanciare un lavoro comune permanente e far emergere future iniziative.
Tutto questo in un contesto in cui sorgono in vari paesi, Turchia, Brasile e nella stessa Grecia per la vicenda della televisione pubblica, mobilitazioni e movimenti scendono in piazza spontaneamente, almeno all’apparenza, ponendo anche una questione di mancanza di rappresentanza politica a queste forme di protesta. Qui resta il nodo capacità di trovare le forme che mantengano una democrazia aperta.  Un equilibrio tra una democrazia diretta e una rappresentanza di questa. Resta comunque anche in questi movimenti un lungo lavoro sottotraccia che spesso serve da enzima per ciò che accade.
La rete italiana e la proposta qui da noi.
Il processo messo in moto con l’Alter Summit ha aggregato una serie di soggetti piccoli e grandi che possiamo definire un unicum nel quadro europeo, siamo gli unici che in forma continuativa e quasi stabile abbiamo costruito una rete attiva e abbastanza coesa.
Questo si appoggia certo sul lavoro che da firenze 10+10 passando per il WSF ci ha messo in relazione, ma è anche una volontà di costruire una alleanza capace di rispondere alle politiche che anche qui da noi attaccano lavoratori, diritti, ambiente, ecc.
Il manifesto può diventare un punto di riferimento, magari “traducendolo” in una versione italiana che possa definire dei nostri punti specifici, per allargare e coinvolgere altri soggetti non ancora coinvolti, a cui possiamo chiedere una adesione e la condivisione di un percorso.
La situazione economica e l’autunno alle porte ci dettano un agenda che dobbiamo assumere, anche per non lasciare il campo ad altre possibili interventi, magari di segno opposto capaci populisticamente di riempire un vuoto di iniziativa.
Per questo la proposta è quella di fare una riunione il 16 luglio aperta ai tanti soggetti impegnati sul terreno della dimensione europea per definire possibili iniziative/percorsi comuni/campagne che potrebbero trovare nella definizione della legge di stabilità economica e del suo passaggio al vaglio europeo ad ottobre uno snodo importante.
La riunione si terrà all'Arci, dalle ore 11.00 alle ore 16.30. La prima parte sarà dedicata a un report della riunione europea dell'Alter Summit prevista nei prossimi giorni, in modo da valutare le proposte che da quelle sede saranno emerse. Poi socializzeremo informazioni su altri percorsi europei di rete ai quali partecipano esperienze italiane. Infine discuteremo della possibilità che insieme riusciamo a costruire un percorso comune in grado di darci più forza, a partire dalla iniziativa che molte delle nostre organizzazioni stanno costruendo per il 28 settembre alla Casa Internazionale delle Donne.
Transform! italia, Arci, Fiom, Cobas, SEM, Altramente, IFE, Cercare Ancora, ….


 

--
--
Hai ricevuto questo messaggio in quanto sei iscritto al Gruppo "Genova 2011 per un'altra Europa" di Google Gruppi.

Per mandare un messaggio a questo gruppo, invia una email a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per annullare l'iscrizione a questo gruppo, invia un'email a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per maggiori opzioni, visita questo gruppo all'indirizzo
http://groups.google.com/group/perunaltraeuropa?hl=it
---
Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Genova 2011 per un'altra Europa" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più i suoi messaggi, invia un'email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Visita questo gruppo all'indirizzo http://groups.google.com/group/perunaltraeuropa.
Per ulteriori opzioni, visita https://groups.google.com/groups/opt_out.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna